5 maggio 2011

The black balloon (sull'autismo)


Il tema del film è quello della malattia mentale, considerata dalla prospettiva della famiglia. Il protagonista del film è il fratello adolescente di un paziente autistico.

The Black Balloon è un film di Elissa Down del 2008, con Toni Collette, Rhys Wakefield, Luke Ford, Erik Thomson, Gemma Ward, Firass Dirani, Nathin Butler, Henry Nixon, Lisa Kowalski, Andy Meritakis. Prodotto in Australia. Durata: 97 minuti.

Il cinema australiano, a parte qualche eccezione (Baz Luhrmann su tutti) è di solito decisamente snobbato nel nostro emisfero. Ci sono però film molto interessanti che vale la pena riscoprire.
Uno di questi è The Black Balloon, esordio alla regia di Elissa Down, una delle più premiate autrici di corti dell’Oceania. Racconta la difficile vita di una famiglia alle prese con un trasferimento, la gravidanza della madre le problematiche di due fratelli, uno in crisi adolescenziale e uno autistico. Il film è incentrato soprattutto sul rapporto tra questi due, e sulle difficoltà che può avere un ragazzo a riconoscere i problemi di un fratello malato.
Nel cast i volti noti sono soprattutto quelli femminili: la madre è interpretata da Toni Collette (nominata all’Oscar per Il sesto senso), mentre la ragazza del figlio da Gemma Ward, famosa top model qui all’esordio davanti a una macchina da presa. Il film è stato presentato nella sezione Panorama al Festival di Berlino, dove ha vinto l’Orso di Cristallo, e ha avuto un fugace passaggio italiano al Giffoni Film Festival. Si è inoltre aggiudicato 6 AFI Awards, i principali premi del cinema Australiano. (fonte: i dispersi)




link al trailer su youtube


Una bella recensione, in lingua inglese.

The Black Balloon opens with an awkward dance between filmmaker and audience, the latter trying to suss whether the able-bodied actor is playing an autistic character or is lazily impersonating the illness, all obvious ticks and embarrassingly broad gestures. Filmmakers often deploy mental disability for shallow manipulation (hello The Proposition), wherein the strings of the characterisation appear painfully obvious.

It becomes apparent, however, that debut filmmaker Elissa Down has instead crafted a very fine and perceptive film, indeed. A semi-autobiographical, coming-of-age drama, The Black Balloon connects for its frank exploration of a difficult subject. Though she opts for every cliché imaginable- the ocker father (Erik Thompson), the tireless mother (Toni Collette), the wish-fulfilment girlfriend (model Gemma Ward), family strife- Down has weaved these seams for surprisingly effect.

Sixteen year-old Thomas (Rhys Wakefield) is an impish, often self-involved hero, perpetually embarrassed by his autistic older brother, Charlie (astonishing newcomer Luke Ford). Though his pregnant mother is confined to bed rest, Thomas often shirks his responsibilities and becomes prone to intense bitterness. The Black Balloon darkens sooner than you would expect for an Aussie drama and honestly reflects upon the repercussions of Thomas' selfish behaviour.

Down's direction is very strong and visual, especially in the moments of Thomas' embarrassment and anguish, culminating in a brutal sequence at the dinner table. The violence here is sudden and deserves full credit for its unexpected impact. Although heartfelt and touching, Down's film is never cloying and earns its warm moments through genuine pain and reflection.

fonte: http://www.imdb.com/title/tt0865297/