6 ottobre 2010

Relazioni d'amore

Anni fa, quando i miei lavori sull' organizzazione borderline di per
sonalità misero in evidenza l'importanza dell'aggressività nella psico
dinamica di questi pazienti, un collega e amico mi disse, un po' per 
scherzo e un po' sul serio: "Ma perché non scrivi qualcosa sull'amore? 
Tutti hanno l'idea che tu ti preoccupi solo dell' aggressività! ".


"Relazioni d'amore", il libro di Otto Kernberg


"Io gli 
promisi che l'avrei fatto quando mi fossero divenute più chiare le com
plicate questioni che riguardano quest'area. li risultato è questo libro, 
anche se devo ammettere di essere ben lungi dall' aver trovato una risposta a tutte le questioni suddette. Tuttavia, penso di essermi spinto 
abbastanza lontano nelle mie riflessioni da voler condividere le rispo
ste che ho trovato, nella speranza che altri colgano questa opportunità 
per chiarire ciò che ancora è oscuro.

Nel corso dei secoli, il tema dell'amore è stato al centro dell'attenzione dei poeti e dei filosofi; in tempi più recenti, è stato esplorato da 
sociologi e psicologi. Ma nella letteratura psicoanalitica gli accenni all'amore sono sorprendentemente scarsi.

Man mano che mi addentravo nello studio della natura dell' amore, 
il rapporto tra erotismo e sessualità diventava un punto ineludibile. 
Scoprii che, in contrasto con la gran quantità di studi sulla risposta sessuale da un punto di vista biologico, poco era stato scritto su di essa in 
quanto esperienza soggettiva.

Appena cominciai a esplorare questo 
aspetto soggettivo con i miei pazienti, mi trovai subito alle prese con le 
fantasie inconsce e con le loro radici nella sessualità infantile - a farla 
breve, mi ritrovai a fare i conti con Freud.

Nel lavoro clinico, scoprii 
anche che le coppie, attraverso le identificazioni proiettive reciproche, 
rimettevano in scena nei loro rapporti le commedie del passato..."

dall'introduzione del libro: "Relazioni d'amore, normalità e patologia"
di Otto Kernberg
Raffaello Cortina Editore
Milano, 1995

vedi, nel sito:
Otto Kernberg

Nessun commento: