25 marzo 2010

Relazioni oggettuali in psicoanalisi

La teoria delle relazioni oggettuali 
è una delle pietre miliari nello svilup
po del pensiero psicoanalitico degli ultimi cinquanta anni. Tra i primi a costruirne le fondazioni e a intuirne gli 
sviluppi fecondi è stato W. R. D. Fairbairn. Questo volume contiene i suoi 
scritti psicoanalitici pubblicati tra il 
1952 e il 1963 su diverse riviste e 
mai finora raccolti in un'opera unica. 
Si rende cosi' interamente disponibile 
in italiano tutto il lavoro fondamentale di questo pioniere délla ricerca psicoanalitica. Questa raccolta di scritti 
è un contributo necessario alla storia 
del movimento psicoanalitico che, per 
la profondità e la ricchezza dei temi 
affrontati, si colloca nel vivo del di
battito attuale.
Il filo conduttore che lega le ulti
me ricerche di Fairbairn qui documentate è una ricomposizione della teoria 
delle nevrosi, degli stati limite è delle psicosi alla luce delle relazioni oggettuali. I lavori sull'isteria come disturbo dell'identità, la revisione critica del Caso Schreber, sono di straor
dinario interesse. Gli studi sulla tecni
ca psicoanalitica e sulla illusoria neutralità del setting analitico ci stimo
lano nuove e profonde riflessioni. Con 
la sua apertura e la sua lucidità, il pensiero di Fairbairn ci· indica nuovi ter
ritori per la ricerca psicoanalitica contemporanea.

* * *
WILLIAM RONALD D. FAIRBAIRN 
nacque a Edimburgo nel 1889, unico 
figlio di una famiglia benestante della 
media borghesia. Il padre presbiteriano e la madre anglicana lo indirizzaro
no agli studi classici ed ecclesiastici 
ma, dopo essersi laureato con lode in 
filosofia all'Università di Edimburgo 
nel 1911, l'esperienza della prima guerra mondiale e la partecigazione alle 
campagne in Egitto e Palestina, risve
gliarono il suo interesse per gli studi 
medici. Nel 1923 si laureò in medicina, entrò in analisi con Ernest Connell 
e praticò il primo anno di tirocinio 
presso il Royal Hospital di Edimburgo. Dal 1927 al 1935 prestò servizio 
come lettore di psicologia presso la 
Università di Edimburgo e lavorò co
me psichiatra presso la Clinica di Psicologia Infantile dell'università. Nel 
1931 fu ammesso come membro associato nella Società Britannica e pochi anni dopo ne divenne membro ordinario, anche se mantenne sempre il 
suo caratteristico isolamento intellettuale. Dal 1935 fino alla morte, avvenuta nel 1964 per morbo di Parkin
son, dedicò tutti i suoi interessi alla 
terapia e alla ricerca psicoanalitica.




RONALD D. FAIRBAIRN
IL PIACERE 
E L'OGGETTO
Scritti 1952-1963
a cura di 
FRANCO ORSUCCI
Astrolabio, Roma, 1992

Nessun commento: