19 settembre 2009

Meta-analisi su psicofarmaci ed allattamento

Una metanalisi su psicofarmaci ed allattamento al seno.

(altri link nel sito: antidepressivi ed ansiolitici durante il periodo dell'allattamento )

Solo per i due terzi degli psicofarmaci attualmente in commercio, è stata valutata la sicurezza durante l’allattamento al seno.

È quanto emerge dalla revisione sistematica della letteratura medica condotta dai ricercatori del Laboratorio per la Salute Materno Infantile dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano e pubblicata sul numero di settembre della prestigiosa rivista Pediatrics.

Sono stati analizzati 183 studi relativi a 62 psicofarmaci dei 96 disponibili (65%).

Per 34 psicofarmaci correntemente utilizzati (un terzo di quelli in commercio) non sono disponibili informazioni sulla loro sicurezza durante l’allattamento.

Considerando come sicuro per un lattante un farmaco che è assorbito attraverso il latte materno fino al 10% della dose assunta dalla mamma senza che compaia alcun effetto avverso, l’analisi ha evidenziato che solo 19 farmaci (31%) possono essere considerati sicuri durante l’allattamento al seno, 28 farmaci dovrebbero essere utilizzati con cautela; mentre 15 sono controindicati, come l’ansiolitico diazepam o l’antidepressivo citalopram, che inducono sonnolenza, irritabilità, coliche e ridotta suzione nel lattante.

L’uso dei farmaci deve essere sempre indicato dal medico e basarsi su evidenze di sicurezza ed efficacia. In alcune condizioni quali l’allattamento al seno, che deve essere sempre incentivato e solo raramente interrotto, la scelta del farmaco è spesso critica per la scarsa informazione disponibile e deve essere ponderata privilegiando quei pochi farmaci di dimostrata sicurezza.

Fonte: istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Nessun commento: