7 agosto 2009

Depressione in Medicina Generale


Melencolia, una delle opere più conosciute di Dürer, risale al 1514. La ricchezza dei particolari a carattere altamente simbolico ha indotto a numerose speculazioni circa il significato di questa opera. Gli elementi che risaltano maggiormente sono la testa sostenuta dalla mano, la borsa, le chiavi, il pugno chiuso ed il volto scuro e cupo. Si possono notare inoltre una clessidra, un cane addormentato, un quadrato magico. Accanto alla figura femminile alata c’è un piccolo genio, alato anche lui, che è intento a scrivere. Inoltre c’è una bilancia e una campana. Lo sfondo presenta una cometa, un arcobaleno, il mare e un pipistrello che regge la scritta “Melencolia I”.

Una meta-analisi pubblicata su Lancet afferma che i medici di Medicina generale (MMG) hanno estrema difficoltà nel diagnosticare la depressione, e anzi in questo campo le diagnosi errate supererebbero quelle corrette.

I ricercatori britannici del Leicester General Hospital coordinati da Alex J. Mitchell hanno infatti analizzato i dati di 41 trial su diagnosi di depressione emesse da MMG con interviste strutturate ai pazienti.

I risultati sono sconfortanti: i MMG in media riuscirebbero a identificare solo metà dei pazienti depressi. Su 100 pazienti un MMG diagnostica in media 20 casi di depressione: 10 sono diagnosticati correttamente, in 10 la diagnosi è errata; inoltre 10 pazienti dei rimanenti 80 soffrono di depressione che non viene loro diagnosticata. Nei MMG di zone non metropolitane i falsi positivi sono più del triplo delle diagnosi corrette.

Spiega Mitchell: "I nostri risultati non devono essere interpretati come un attacco ai MMG, quanto piuttosto come la necessità di comprendere i problemi diagnostici che i non specialisti sono costretti ad affrontare. Il modello di visita MG tradizionale evidentemente non è sufficiente per una corretta diagnosi di depressione, quindi suggeriamo di aggiungere più tempo di consultazione per i casi sospetti e una collaborazione con colleghi o un case manager per migliorare la qualità dell’assistenza".

Peter Tyrer, primario del Department of Psychological Medicine dell’Imperial College di Londra commenta: "Se la diagnosi di depressione rappresenta una sfida tutt’altro che semplice per le migliori menti della Psichiatria pretendiamo che un MMG sia attendibile in questo?".

Lo studio contraddice quanto in precedenza affermato da uno studio multicentrico dell' OMS, riportato in questo blog (questo il link).

Fonte Mitchell AJ, Vaze A, Rao S. Clinical diagnosis of depression in primary care: a meta-analysis. The Lancet 2009; DOI:10.1016/S0140-6736(09)60879-5.

link nel sito: depressione

Nessun commento: