21 maggio 2009

Le maschere del potere

Se non fosse per il timore di una sorta di "appropriazione indebita", riprenderei in questo sito la maggior parte delle parole di Andreoli, e del suo libro "L'uomo di vetro", tante sono le suggestioni che propone e le emozioni che suscita.

"... E' bellissimo guardarsi in volto il mattino e riconoscersi senza dover indossare delle maschere per sembrare adeguati a ruoli che sono solo di potere, al servizio del potere.

Confesso di provare più pena per chi vive all' ombra dei potenti che non dei potenti.


Giullari inverecondi del potere, parassiti delle briciole, disposti a rinunciare a ogni principio che sentono dentro di se' pur di piacere al potere.


Concubine raffinate che per essere penetrate danno la propria mente, invece che il pube.

Hanno perduto il senso di colpa che permette il confronto tra cio che si fa e cio che si sarebbe dovuto fare, e che permette di capire che aver agito contro l'uomo significa anche essere andati contro se stessi."

link nel sito:
L'uomo di vetro
politica e psicopatologia

Nessun commento: