26 dicembre 2008

Arte e Psiche


Centro Culturale ArtCamera in collaborazione con L'Assessorato alla Cultura della Provincia di Arezzo, con il Patrocinio del Comune di Arezzo presentano

Arte e Psiche

Iconografie immaginarie e dissertazioni poetiche dell'inconscio

Mostra di Arte a cura di Rita Carioti

opere di
Rita Carioti - Laura Cirinei
Andrea Gasparro - Chiara Greci
Tommaso Musarra - Alessandro Marrone
Fabio Nucci - Giacomo Piazzesi
Sergio Poddighe - Andrea Roggi - Laura Serafini
Paolo Tranchina - Francesco Verdi

riflessioni poetiche di
Patrizia Buracchi - Vincenzo Enrico - Patrizia Fazzi

27 Dicembre 2008 - 24 Gennaio 2009
Atrio D'Onore del Palazzo della Provincia
Via Ricasoli, 44 - 46 -Arezzo
dal lunedì al venerdì - 10.30 - 12.30 - 16.30 - 19.00
sabato e domenica 10.30 - 13.00 / 16.00 - 20.00

Inaugurazione
Sabato 27 Dicembre 2008 - ore 16.30
con interventi nel Seminario introduttivo

23 dicembre 2008

Psicoterapia di gruppo


"... Certe persone non vanno mai via.

Ti restano appiccicate addosso, ti penetrano nell'anima.

Aprono varchi di luce, accolgono la tua ombra, ti accarezzano quando tenti di vivere.

Non voglio liberarmi di certi amori...


Altre sono state soltanto sassi raccolti.

E sono tornate a lastricare le strade."


siena, 23 dicembre 2008

la psicoterapia di gruppo

19 dicembre 2008

Psicosomatica News


Patologia neoplastica e psicoterapia

Sorprendenti i risultati di uno studio italiano appena concluso: dopo l'asportazione di un tumore al seno, 227 donne sono state suddivise in due gruppi che hanno ricevuto la stessa terapia, ma uno dei due gruppi aveva anche un sostegno di tipo psicologico. Dopo undici anni, sia il rischio di ripresa della malattia, sia la mortalità per tumore erano diminuite di circa la metà nelle donne che avevano ricevuto il supporto psicologico. Ne dà notizia un articolo del settimanale Salute del Corriere della Sera.

«L'attenzione per l'individuo nel suo complesso - scrive il settimanale Salute - per il suo benessere psicofisico sembra riflettersi positivamente anche sulle terapie, con un effetto che potrebbe andare al di là della migliori aspettative».

fonte: Salute, Corriere della Sera, dicembre 2008



Stili di vita, stress e malattie cardiovascolari

Il legame fra lo stress psicologico ed il rischio cardiovascolare può essere in larga parte spiegato dal comportamento individuale, con elementi quali il fumo ed il livello di attività fisica: il trattamento dello stress psicologico in sé potrebbe dunque non essere il miglior approccio per la riduzione del rischio cardiovascolare.

Se lo scopo è quello di trattare le patologie mentali onde ridurre il rischio cardiovascolare, è necessario adottare un approccio alquanto ampio, e non limitarsi alle componenti psicologiche: è necessario tenere conto anche dei fattori di rischio comportamentali, con particolare enfasi sull'attività fisica e sulla cessazione del fumo.

Il trattamento delle malattie psicologiche, comunque, è un'area di considerevole interesse nella cardiologia clinica e nella ricerca inerente: vi sono di certo fattori psicosociali implicati nelle cardiopatie, ed i soggetti "stressati" o "depressi" presentano un aumento del 50 percento del rischio di malattie cardiovascolari rispetto alle loro controparti libere da elementi stressanti a livello psicosociale.

Sono però meno chiari i fattori intermedi che spiegherebbero l'associazione in oggetto: la comprensione dei vari processi comportamentali e fisiopatologici che connettono lo stress psicologico alle malattie cardiovascolari sarebbe utile per potenziali interventi.

(J Am Coll Cardiol 2008; 52: 2156-62 e 2163-4)


Patologie psichiatriche ed asma

Le malattie mentali aumentano la possibilità di soffrire di asma e tanto più gravi sono le affezioni della mente tanto più grave può essere anche l'asma di cui si soffre: è quanto sostiene uno studio condotto presso la Brown University di Providence e pubblicato sulla rivista Chest.

I ricercatori hanno revisionato i dati relativi a 355000 soggetti, selezionati per uno studio di sorveglianza nel 2006, arrivando a evidenziare come l'asma colpisce il 6,2% delle persone del campione studiato senza problemi mentali, l'8,7% dei soggetti studiati con storia di malattie mentali da 1-7 anni e il 21,6% dei soggetti studiati con storia di malattie mentali da almeno 22 anni.

Quello che ci si chiede è se l'asma e le malattie mentali siano due problematiche comuni e quindi rintracciabili, in concomitanza casualmente, in una larga fetta di popolazione o se le due condizioni patologiche si influenzano fra loro per cui la presenza dell'una comporta anche la presenza dell'altra.

link (in questro sito):

psicosomatica
sommario di psicosomatica

Male di miele sull'anoressia mentale


Selezioni sul web per il lungometraggio "Male di miele" del regista Marco Pozzi. Un film sull'anoressia, malattia che il regista vuol far conoscere al grande pubblico. La storia parla di un'adolescente, Sara, che vive in una famiglia medio-borghese e che a scuola è la più brava. Improvvisamente, però, qualcosa si incrina. Prima una dieta ferrea, poi il rifiuto del cibo e, infine, l'anoressia.

Per scegliere i protagonisti, il regista si è affidato ai social network Facebook e My Space, grazie ai quali gli aspiranti attori si sono potuti iscrivere alle selezioni.

Pozzi, che si è avvalso della collaborazione dell'Associazione per l'Anoressia e la Bulimia (Aba), ha spiegato al Corriere.it: "Abbiamo seguito alcune sedute di psicoterapia sia nella sede di Torino, che in quelle di Milano e anche al Niguarda. La protagonista nel corso della lavorazione dovrà dimagrire di tre chili, ma sarà seguita da una nutrizionista. Se dovessi accorgermi che una candidata, anche perfetta per il ruolo, potrebbe ammalarsi, non la farei recitare".

"Io non avrò un occhio voyeuristico - ha detto Pozzi - non andrò a guardare l'osso, ma farò vedere allo spettatore come sta chi si ammala, che cosa pensa, come si sente".

La lavorazione del film inizierà ad aprile.

fonte: corriere.it 19 dicembre 2008

link nel sito:
anoressia
anoressia maschile
bulimia

18 dicembre 2008

Cinema e psicoanalisi, Napoli Aprile 2009


Prima edizione del concorso rivolto ai filmaker italiani e stranieri "I corti sul lettino. Cinema e psicoanalisi".

L'intento della manifestazione cinematografica è di valorizzare, promuovere e divulgare il cortometraggio come forma espressiva e di sviluppare le potenzialità dei linguaggi artistici dei nuovi media; rispondere alle esigenze di crescita culturale dei giovani registi emergenti e dare a tutti i filmaker di talento la maggiore visibilità possibile.

Proiezioni di film e l'incontro con registi, attori e critici cinematografici faranno da cornice all'evento organizzato con l'egida della Sezione "Arte, cinema e spettacolo" della Società Italiana di Psichiatria ed in collaborazione con il festival cinematografico accordi @ DISACCORDI .
L'evento si svolgerà dal 17 al 18 Aprile 2009 presso il Penguin Cafè di Via Santa Lucia 88 - Napoli e prevede la proiezione del maggior numero possibile dei cortometraggi inviati.
Il termine ultimo per presentare i cortometraggi è il 31 marzo 2009. La partecipazione è gratuita.

Info e regolamento scaricabili sul sito www.cinemaepsicoanalisi.com

link:
cinema e psichiatria (in questo sito)