22 agosto 2008

Il gioco ricomincia (Funny games)



Funny games
Un film di Michael Haneke.
Con Naomi Watts, Tim Roth, Michael Pitt, Devon Gearhart, Brady Corbet, Boyd Gaines. Genere Thriller, colore 111 minuti.
Produzione Gran Bretagna, USA, Francia, Austria, Germania, Italia 2007.

Film crudelissimo nella sua aria di ordinaria follia.

"... Il film è metafora di come l’individuo possa, in ogni momento e senza ogni ragionevole motivo, diventare ostaggio di qualcosa di folle e assurdo che lo trascende, lo isola e lo distrugge, quell’unheimlich (il perturbante), quel senso di sconosciutezza e di incertezza che avvertiamo all’inizio e che diventa la premessa perche vi si instauri l’espropriazione di se’, l’annullamento finale.


... i nostri personaggi non vengono presi in ostaggio e devastati dal diverso da noi, ma dal simile a noi, da cio’ che appare bello, pulito, giovane, conforme. Il perturbante si insedia nella loro casa sotto le vesti del suo opposto, il familiare, il conosciuto, il rassicurante.

... un chiaro riferimento ad Arancia meccanica, nel senso di una banda di sadici coi guanti bianchi che entrano nelle case e, efferati killers seriali, violentano tutto cio’ che di umano vi trovano dentro, per puro divertimento, per noia ("vuoto esistenziale", dice Paul in un evidente parodia degli psicologismi dei media).

Il riferimento e’ corretto ... per l’assoluta assenza di speranza circa la natura umana e la radice del Male."

dalla recensione, su pol.it, di R.Valdrè

Nessun commento: