24 luglio 2008

Ronald Fairbairn, 1889 - 1964

Ronald Fairbairn, un analista scozzese che lavorò per la maggior parte della vita in relativo isolamento, fu uno dei maggiori teorici psicoanalisti della scuola britannica delle relazioni oggettuali.

Affermò che i bambini sono primaria­mente motivati non dagli impulsi della libido e dell'ag­gressività, ma da un istinto di ricerca di un oggetto.

Fair­bairn sostituì le idee freudiane di energia, ego ed es con quelle di strutture dinamiche; quando il bambino incontra la frustrazione, come meccanismo di difesa una porzione dell'ego si stacca da esso nel corso dello sviluppo e funzio­na come un'entità autonoma che si mette in relazione con gli oggetti interni e con le altre suddivisioni dell'ego.

Fair­bairn affermò inoltre che durante lo sviluppo viene inter­nalizzato non solo un oggetto, ma anche una relazione og­gettuale, in modo che il sé sia sempre in relazione con un oggetto e che i due siano connessi da una componente af­fettiva.

leggi anche: il piacere e l'oggetto

Nessun commento: