19 giugno 2008

Depressione e diabete

Le persone affette da depressione hanno un rischio piu' alto di sviluppare la forma piu' comune di diabete rispetto alle persone non depresse, secondo un nuovo studio che fa luce sui possibili collegamenti tra le due patologie.

La connessione tra diabete di tipo 2, la forma della malattia strettamente connessa con l'obesita' e una vita sedentaria, potrebbe essere un po' come una strada a due sensi, dice lo studio: non solo il diabete puo' portare alla depressione, come ben noto ormai, ma anche la depressione puo' condurre al diabete.

I ricercatori hanno sottoposto a tre visite, fra il 2000 e il 2005, 6814 pazienti: a inizio studio per 4847 soggetti non era stata fatta diagnosi di depressione. Fra tutti pazienti, durante il follow up le avvisaglie di depressione sono state più nette per i soggetti con diabete di tipo II. I pazienti arruolati nello studio con diagnosi di depressione hanno evidenziato un 30% di possibilità in più rispetto agli altri, di sviluppare diabete di tipo II. La relazione fra depressione e diabete di tipo II è da ricercare presumibilmente nel rapporto conflittuale con il cibo e la scarsa propensione per l’attività fisica. Sono necessari ulteriori studi per determinare quali strategie comportamentali adottare per intervenire su uno scorretto stile di vita e ridurre, quindi, il rischio diabete di tipo II e depressione. La ricerca è stata condotta presso la University School of Medecine di Baltimora.

Già nel 2001, al congresso annuale dell'American Diabetes Association, il dr. Greg Nichols, ricercatore alla Kaiser Permanente Center for Health Research di Portland (USA), aveva affermato che la prevalenza della depressione nelle persone affette da diabete è circa due volte superiore a quella nella popolazione generale. E nonostante il diabete in alcuni casi sia causa di depressione, a volte è anche vero il contrario.

"...circa il 75 percento delle volte, la depressione era stata diagnosticata una media di quattro anni prima della diagnosi di diabete" ha affermato il dr. Nichols "Questo significa che la depressione causa il diabete? La depressione è immunosoppressiva. Così, nelle persone predisposte, la depressione può provocare il diabete". Più verosimilmente, secondo Nichols, la depressione è una componente della "sindrome di insulino resistenza", che è una costellazione di disturbi che includono il diabete, l'obesità e i disturbi cardiovascolari che sono più comuni tra le persone meno sensibili agli effetti dell'insulina.

Secondo il Dr. Patrick Lustman, ricercatore al Washington University School of Medicine, St. Louis (USA), considerato la principale autorità nel collegamento tra diabete e depressione, il concetto può essere assimilato a quello per cui la sindrome di fatica cronica può causare una varietà di problemi mentali, fisici ed emozionali. Lustman e i l suo team hanno dedicato più di un decennio a dimostrare, tra le altre cose, che la depressionè è collegata ad uno scarso controllo glicemico nei pazienti diabetici.

I pazienti depressi mostrano un peggiore controllo glicemico rispetto ai pazienti non depressi" dice il dr. Mary de Groot, stretta collaboratrice del dr. Lustman alla Washington University "abbiamo anche notato una moderata associazione tra la depressione e le complicanze del diabete. Essa è infatti risultata associata con un maggior numero di complicanze diabetiche ed una maggior gravità delle stesse".

Il team del dr. Lustman prevede che la depressione possa colpire circa il 20 percento dei diabetici. Dal momento che la depressione può avere effetti negativi sulla gestione del diabete, tutti gli esperti sono risultati d'accordo sul fatto che il trattamento della depressione come dei disordini ad essa collegati è almeno importante quanto la terapia stessa del diabete.

Anche lo stress psicologico apre le porte al diabete per gli uomini.

Sono questi i risultati di uno studio condotto dagli esperti del Karolinska Institute di Stoccolma (Svezia), pubblicato sulla rivista 'Diabetic Medicine'.

Per lo studio, che ha riguardato 2.127 uomini e 3.100 donne nati fra il 1938 e il 1957, e' stato richiesto a tutti i partecipanti di sottoporsi a test del sangue per misurare i livelli di glucosio e a esami dello stato psicologico per rilevare eventuali problemi di ansia o stress. Dopo dieci anni dalla prima 'chiamata', i volontari sono stati sottoposti una seconda volta a questi test.

Dalle osservazioni dei risultati e' emerso che gli uomini con il piu' alto livello di stress psicologico corrono un rischio piu' alto di 2,2 volte di incappare nel diabete rispetto a quelli meno ansiosi o depressi.

Analisi piu' approfondite hanno dimostrato che il collegamento fra questi due elementi e' indipendente dall'eta', dall'indice di massa corporea, dalla storia familiare di diabete, dalla presenza del vizio del fumo e dall'inattivita' fisica e che le donne ne sono invece immuni.

"Questo fenomeno - spiegano gli autori della ricerca - potrebbe essere il risultato del danno che lo stress apporta alla capacita' del cervello di regolare il rilascio di ormoni 'chiave' nell'insorgenza del diabete, oppure dell'influenza negativa che la depressione puo' avere sulla dieta e sugli stili di vita: e in questo le donne sono meno 'chiuse' degli uomini. Tendono a parlare di piu' e a cercare aiuto, senza rifugiarsi nell'alcol o nel cibo".


fonte: AGI SAlute
progetto diabete. org
sanita news

leggi:
medicina mente - corpo
malattie psicosomatiche
psicosomatica


Nessun commento: