11 giugno 2008

Droga, sentimenti, sostanze.info

«C'è una droga che uccide i sentimenti?» Le domande scorrono on-line, sul sito sostanze.info.

«Esiste una droga che uccide i sentimenti?», «La cocaina rende cattivi?» Chi fa tali domande non ha un nome, non ha un età. Ma le sue parole usano il gergo dei giovani e mostrano le preoccupazioni di chi ha vicino la droga. E forse ne ha paura.

Il servizio comunale fiorentino, che fa parte della campagna contro la droga, partita l’anno scorso dalla società della salute, fa un bilancio dei suoi click.


GLI ACCESSI AL SITO. Sono state 16.300 le persone che hanno visitato il sito, 59.258 sono stati gli accessi alle pagine. E soprattutto, 162 sono le domande che sono arrivate agli esperti del centro. Hanno riguardato un po’ tutte le droghe: cocaina (26%), cannabis (21%), anfetamine (19%). Ma anche alcol (14%) e psicofarmaci (6%).

«È difficile trovare oggi un’informazione corretta sulle droghe, soprattutto on line – spiega Stefano, che lavora presso il sito - noi cerchiamo di dire a queste persone come stanno le cose». Ma non si tratta di un contatto unidirezionale: «Il sito è vivo: vengono lasciati i messaggi, noi rispondiamo e si accodano di solito tantissimi commenti di altre persone interessate». Si tratta di un pubblico che va dalle citazioni di Edelberg a quello che ti dice: «Il mio amico finisce lo stipendio a maiale». Ma è difficile dare un’identità. Forse ciò che rende il sito così cliccato è proprio la possibilità di dire e chiedere senza il timore di essere giudicati.


Per il consumo di droghe, la Toscana è in linea con la media nazionale, ma sul consumo delle bevande alcoliche (70%) è sopra la media con l’85%. La diffusione di cannabis è intorno al 24 % . Il trend è invece in aumento per quanto riguarda la cocaina.

La campagna del comune continuerà. Testimonial del sito è la ragazza in stile fumetto con camicia e scaldamuscoli a pois rossi. «Non sono da comunità, sono da community», dice la vignetta che la accompagna.


Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito. Non disperate se non arriverà nell’immediato la risposta alla vostra domanda: ci vorranno al massimo tre giorni.


fonte: Federica Sanna - http://corrierefiorentino.corriere.it/

Nessun commento: