4 aprile 2008

Epidemiologia del DAP

La concettualizzazione del disturbo di panico (vedi) può essere fatta risalire al concetto di sindrome del cuore irritabile, che fu notata nei soldati durante la guerra civile americana da Jacob Mendes DaCosta. La sindrome di DaCosta compren­deva molti dei sintomi psichici e somatici che sono ora in­clusi nei criteri diagnostici per il disturbo di panico.


Nel 1895 Freud introdusse il concetto di nevrosi d'ansia, che consisteva in sintomi acuti e cronici, psichici e somatici.
La nevrosi d'ansia acuta di Freud era simile al disturbo di pa­nico del DSM-IV.
Fu Freud per primo a notare la relazione fra attacchi di panico e agorafobia.

II termine "agorafobia" era stato coniato nel 1871 per la condizione in cui i pazien­ti sembrano avere paura di avventurarsi in luoghi pubblici senza essere accompagnati da amici o parenti.

Studi epidemiologici hanno riportato una prevalenza nel­l'arco della vita dell'1,5-5% per il DAP e del 3-5,6% per l'attaccodi panico (vedi).

Le donne sono da 2 a 3 volte più colpite degli uomini, an­che se una tendenza a sottodiagnosticare il disturbo di pani­co negli uomini potrebbe contribuire a questa distribuzione così sbilanciata.

L'unico fattore sociale identificato che potrebbe contribuire allo sviluppo di un disturbo di pani­co è una storia recente di divorzio o di separazione. Il distur­bo di panico si manifesta più spesso fra i giovani adulti (l'età media di esordio è di 25 anni), ma sia il disturbo di panico sia l'agorafobia possono svilupparsi a qualunque età.

La prevalenza nell'arco della vita dell'agorafobia è risul­tata variabile da un minimo dello 0,6% a un massimo del 6%. Il maggiore fattore alla base di tale eterogeneità delle stime è da correlare all'uso di criteri diagnostici e metodi di valutazione diversi. Sebbene studi sull'agorafobia in am­biente psichiatrico abbiano riportato che almeno tre quarti dei pazienti colpiti hanno anche un disturbo di panico, stu­di sull'agorafobia in comunità hanno rilevato che fino a metà dei soggetti manifesta agorafobia senza disturbo di pa­nico. Le ragioni alla base di reperti così divergenti non sono note. In molti casi l'inizio dell'agorafobia è successivo a un evento traumatico.

Nessun commento: