8 luglio 2007

Lacrime di pioggia



...e le lacrime sembrano le gocce di un mare che ti sei tenuto dentro, che ha continuato per anni ad infrangere le sue onde contro le spiagge...

3 commenti:

valentina ha detto...

Quelle lacrime io le ho desiderate per bagnare la mia aridità affettiva; quando ho sentito quel sapore salato delle gocce che scivolavano sulle guance per arrivare alle mie labbra mi sono commossa.
Quando ci si emoziona ci si sente ancora vivi.

Anonymous ha detto...

Quando è morto mio padre non ho pianto. Era la seconda volta che moriva, forse pensavo di averlo già fatto. E tutte le volte che moriva qualcosa pensavo di aver già pianto...così non piangevo più.
Ma piano piano ho cominciato a piangere quando qualcosa nasceva
Siria

Anonymous ha detto...

Stamattina te ne sei andato per sempre...una persona speciale a cui ho voluto molto bene. Verso di te ho provato il vero amore. Impossibile spiegare il dolore, la disperazione, la rabbia, l'impotenza di fronte alla morte. Le lacrime non smettono di scendere.Brutto, Bruttissimo...... Ho un bel ricordo di te e ti porterò sempre nel mio cuore. Averti rincontrato giorni fa sarà stato un segno del destino. Almeno così ho potuto salutarti per l'ultima volta. Ti vorrò sempre bene. Dani.