2 marzo 2007

Orizzonti


(la foto è di Fabio)

3 commenti:

miccivolete ha detto...

...prendersi per mano e andare tutti insieme oltre all'orizzonte

Anonymous ha detto...

..Il mare,con le sue correnti,ognuna delle quali prende una diversa direzione..nella vita spesso ci si lascia trasportare da quelle correnti,e si cerca di stare a galla..e invece bisognerebbe saper decidere quale seguire,avere il coraggio di remare contro se necessario,anche se è dura,anche se fa male. Ma il coraggio non c'è, e allora la voglia e la necessità di adeguarsi prendono il sopravvento..ed è li che la vita finisce di essere tale.

valentina ha detto...

E' strano come le persone dipingano il mare.. e' strano come ci siano persone sulla spiaggia che assorbono il sole e che non voltino mai lo sguardo al mare. Come una barca con una falla accostata alla riva mi sentivo con gli attacchi di panico , ferma immobile..bagnata da il mare.. questa era la violenza .. poi ho conosciuto un bravo artigiano se si puo' dire cosi'... che ha saputo curare quella falla..di nuovo galleggiare...ma non bastava e li' la forza l'ho tirata fuori,perche'sogno di essere parte di un vascello , perche' no, una polena ,(amo la poesia di Neruda dedicata a questa figura)di incrociare l'olandese volante .