23 marzo 2007

La vita in un cassetto


...sento che mi devo liberare di questo mio modo d'essere per stare bene, per ricominciare a vivere.
Non sò se questa sarà la volta buona, ma ho proprio la netta sensazione di aver rinchiuso la mia vita in un cassetto e lasciata lì ad invecchiare per tutto questo tempo.
Spero solo di essere abbastanza forte per arrivare fino in fondo.
Martedì scorso al gruppo ho sentito la mia assenza, la mia inadeguatezza e soprattutto la mancanza di un rapporto con te e di conseguenza con gli altri. Insomma mi devo dare una svegliata per il mio bene...

3 commenti:

Anonymous ha detto...

VORREI ESSERE CAPACE DI LIBERARMI ANCH'IO DI QUESTO MIO MODO D'ESSERE...MA NON CI RIESCO MI SEMBRA DI AVER PERSO LA CHIAVE DI QUESTO CASSETTO E NON SO PIU' DOVE CERCARLA....CERTE VOLTE MI SEMBRA MI MANCHI LA FORZA LA LUCIDITA' E LA CHIAREZZA PER SAPERE COME E DOVE CERCARLA
ELISA

Anonymous ha detto...

martedi scorso luca parlava della "meta' di niente",forse e' proprio quello con il quale mi scontro e che mi fa stare chiuso nel cassetto:la mia meta' di niente in tutto quello che mi sta accadendo.
la paura di non saper amare credo sia alla radice del mio malessere, ed averlo intuito e' stato molto doloroso,ma e' stato inevitabile.
Anche a me manca la lucidita',la forza,ogni mattina mi alzo con un peso enorme e mi spaventa la giornata che verra'.
Spero solo che cio' che e' stato inevitabile si riveli un punto di partenza anche se,in questo momento,la speranza e' molto vaga.
Alessandro

Anonymous ha detto...

...Io quella chiave credo proprio di averla gettata via,già da qualche tempo..oramai riesco solo a farmi vivere dagli eventi,senza riuscire mai a prendere una decisione netta,chiara, per tutto ciò che riguarda la mia vita. Vorrei tanto ritrovare la forza di un tempo, la voglia di fare di un tempo, forse anche un pò di incoscienza. Come "qualcuno" mi ha detto, sono rigida da fare schifo..sono chiusa a riccio e sembro respingere ogni mio "sprazzo" di vitalità, di vita, come se avessi già deciso inconsapevolmente il mio futuro,il mio destino.
Ma che futuro potrò mai avere se resterò perennemente insoddisfatta della mia vita e degli affetti che mi circondano, così come lo sono adesso?
Marianna.